Dove la vita scorre libera

Il 3 ottobre del 2013 un’imbarcazione con a bordo più di cinquecento profughi naufraga nei pressi di Lampedusa. Ne muoiono trecentosessantotto. Venti i dispersi. Solo centocinquantacinque i sopravvissuti. Tra questi, Hagos e Aziz, in fuga da Asmara. Hanno vissuto il dramma dei campi profughi e il flagello delle bande criminali in Sudan e respirato la breve illusione delle primavere arabe per poi piombare nell’orrore della guerra civile libica. Hanno affrontato il Mediterraneo per evitare di soffocare, rischiando di esserne inghiottiti. Hagos e Aziz portano con loro due lettere scritte nel 1977 da un ingegnere italiano a una ragazza eritrea di cui era innamorato. Ma qual è il legame che unisce i due giovani all’autore di queste vecchie lettere d’amore? Che ne è stato di quella remota storia sbiadita dal tempo e dal sale?

Dove la vita scorre libera racconta l’odissea contemporanea di due ragazzi come tanti che scelgono di sfidare qualsiasi pericolo per inseguire il sogno di un futuro migliore e non permettere che un regime feroce cancelli la speranza dal loro cuore.

Tina Aventaggiato

Tina Aventaggiato vive a Poggiardo, nel Salento. È madre e nonna. È stata docente di Lingua e cultura Inglese nelle scuole secondaria e ha collaborato con diverse testate giornalistiche. È stata autrice di diversi romanzi storici, tra i quali ricordiamo Abigail è tornata (2011), Vento freddo sull’Arneo (2013 e 2015), L’occhio guarda a Sion (2016) e Per decreto di Allah (2019). Dove la vita scorre libera è stato selezionato da Libromania tra le opere vincitrici di Fai Viaggiare la tua Storia nel 2022.

Potrebbero piacerti anche

La scelta dell'ignoranza

La scelta dell'ignoranza

Manuela Caviglia
Febbre da vinile

Febbre da vinile

Alessandro Casalini

Prodotti correlati