L'eredità di una vecchia maga

Nel paese di Linfa tutto ruota intorno al culto degli antenati. Il Sacerdote Ratigus è a capo della comunità: custodisce il segreto della tecnica con cui vengono conservati perfettamente i corpi di eroi e notabili esposti nel cimitero del villaggio, guida le celebrazioni dei rituali di adorazione dei defunti e, al contempo, assicura la pace con le sue guardie.

La quiete del paese viene sconvolta quando un notaio apre il testamento di una vecchia maga e scopre l’esistenza delle quattro fiale della pozione creata da questa per riportare in vita gli amati nipoti morti nella guerra contro il Grande Stregone Rastaban. Il notaio non solo disattende le richieste della maga, ma si appropria di una fiala e resuscita una bambina provando la potenza della pozione davanti agli occhi dei concittadini.

Ratigus decide quindi di custodire le tre fiale rimaste nello scrigno del castello perché molti vogliono entrarne in possesso e alcuni sono disposti a tutto per impadronirsi della pozione e riportare in vita persone a cui sono rimasti legati per diversi motivi: amore, amicizia, vendetta, rimorso, ammirazione.

Riccardo Viazzo

Riccardo Viazzo è nato nel 1993 a Vercelli e vive nel piccolo paese di Cavaglià. Dopo il diploma al liceo scientifico, ha frequentato la facoltà di Economia dell’Università degli studi del Piemonte orientale di Novara. Appassionato di viaggi, arte e scienze, è un lettore vorace. L’eredità di una vecchia maga è il suo primo romanzo.

Prodotti correlati